Catania, salvato cane con scotch su muso e zampe

Salvato un cane a Catania ridotto in pessime condizioni. L’Unità di Emergenza della LAV insieme ai Vigili del Fuoco hanno liberato l’animale che aveva il muso e le zampe legati con lo scotch. L’intervento di salvataggio è avvenuto dopo una segnalazione. Sul posto pure la Polizia Municipale e il soccorso veterinario. Gli operatori hanno preannunciato che sporgeranno denuncia contro ignoti. “Il cane, visibilmente spaventato, è stato sottoposto alle prime cure veterinarie – afferma Beatrice Rezzaghi, responsabile Unità di Emergenza LAV –. Ci siamo trovati di fronte a una scena che…

Condividi
Read More

Augusta (SR), donna tenta di investire ex convivente e nuova compagna: arrestata

Una donna di 47 anni è stata arrestata dai Carabinieri della Stazione di Augusta (SR) per maltrattamenti in famiglia, atti persecutori e lesioni personali aggravate. La vittima era il suo ex convivente che la fermata avrebbe pure provato a investire con l’auto mentre era con la sua nuova compagna. La 47enne in diverse occasioni avrebbe minacciato e aggredito l’uomo lanciandogli addosso bicchieri e bottiglie. La donna si sarebbe anche appostata davanti alla dimora dell’ex suonando insistentemente il citofono pure in orario notturno. Condividimore

Condividi
Read More

Donna maltrattava cane: una denuncia nel trapanese

Salvato un piccolo meticcio dai Carabinieri di Salaparuta. Il cane era vittima di maltrattamenti da parte della padrona di 75 anni. I militari, dopo alcune segnalazioni, hanno richiesto l’intervento di un veterinario dell’Asp di Trapani. L’animale era in precarie condizioni di salute: denutrito, con estese lesioni cutanee sul muso e sul corpo. Era rinchiuso in un box fatto di pedane in legno senza riparo e l’ambiente era anche sporco. Il cagnolino è stato affidato in custodia giudiziale a un rifugio sanitario di recupero ed assistenza di Santa Margherita di Belice.…

Condividi
Read More

Adrano (CT), picchia moglie davanti ai figli: fermato dalla Polizia grazie a chiamata di uno dei due

Un uomo picchia la moglie davanti ai figli e viene bloccato dopo la chiamata di uno dei due alla Polizia. Gli agenti di Adrano (CT) hanno arrestato il 35enne per maltrattamenti aggravati e lesioni personali. La donna aveva ricevuto diversi schiaffi, calci e spintoni. I bambini, il minore che ha contattato aiuto e un altro di appena due anni, avevano assistito alla scena. La madre, molto scossa e in lacrime per quanto accaduto, è stata accompagnata in commissariato e ha sporto denuncia. I maltrattamenti sono iniziati quando la coppia non…

Condividi
Read More

Catania, maltrattamenti per moglie e figli: ai domiciliari un 34enne

Finisce ai domiciliari un uomo che maltrattava moglie e figli piccoli. La misura nei confronti del 34enne è stata eseguita dai Carabinieri della Stazione di Catania Librino, così come disposto dalla Procura locale. Il soggetto deve rispondere di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali aggravate e violenza sessuale aggravata. La vittima, una 32enne, ha denunciato quanto subito ai militari. I due sarebbero sposati dal 2014 e hanno due figli di 3 e 8 anni. Il marito, secondo quanto emerso dalle indagini, non avrebbe mai retribuito la coniuge che lavorava in nero…

Condividi
Read More

Licata (AG), tre persone torturano giovani disabili: fermati

Maltrattano disabili solo perché tali. L’orrore si sarebbe consumato a Licata nell’agrigentino. I Carabinieri hanno eseguito tre fermi di indiziato di delitto. Carcere per Antonio Casaccio (26 anni), Gianluca Sortino (23 anni) e Angelo Marco Sortino (36 anni). I soggetti sono accusati di tortura, sequestro di persona e violazione di domicilio. Gli indagati avrebbero picchiato tre giovani colpevoli, a loro dire, di essere disabili. Una persona sarebbe stata colpita con un bastone, legata con del nastro adesivo e abbandonata per strada. A liberarla da quello stato una donna che transitava…

Condividi
Read More

Trapani, maltrattava e perseguitava ex compagna: scatta la misura cautelare

Misura cautelare per un 43enne che maltrattava e perseguitava la sua ex compagna. Il gip di Trapani ha imposto all’uomo il divieto di avvicinamento. L’individuo, dopo la fine della sua relazione, ha cominciato a perseguitare la donna. A seguito di infinite telefonate, minacce e inseguimenti la vittima è stata costretta a cambiare le proprie abitudini in quanto temeva per la sua incolumità. Il soggetto non può comunicare con la donna e sarà monitorato tramite il braccialetto elettronico. Le indagini sono state condotte dalla Polizia. Condividimore

Condividi
Read More

Aci Sant’Antonio (CT), orrore in una casa di riposo: anziani ferocemente maltrattati

aci sant'antonio

Rsa degli orrori ad Aci Sant’Antonio, nel catanese. Le foto scattate da una dipendente della casa di riposo San Camillo – che documentavano scene terribili nei confronti degli anziani – hanno fatto avviare un’inchiesta della Procura di Catania. Dopo le indagini, eseguite dai Carabinieri della stazione locale tra marzo e giugno 2019, il Gip ha disposto il divieto di esercitare l’attività imprenditoriale per 12 mesi a Giovanni Pietro Marchese, 60enne amministratore unico della casa di riposo, e la misura del divieto temporaneo di esercitare la professione all’interno di case di…

Condividi
Read More

Palermo, 33enne lega al palo e colpisce con calci e pugni il suo cane: scatta l’arresto

La Polizia di Palermo ha arrestato un soggetto di 33 anni, slovacco senza fissa dimora, che ha legato a un palo dell’illuminazione il suo cane e lo ha colpito ripetutamente con calci e pugni. I fatti sono avvenuti ieri sera in via Lanza di Scalea. Alcuni testimoni hanno tentato di soccorrere l’animale e poi contattato il 112. Il 33enne, sicuramente in stato di alterazione psicofisica, neanche davanti agli agenti ha placato la sua ira o spiegato il motivo del vile gesto. I poliziotti hanno sottratto il cane, con fatica, dal…

Condividi
Read More

Catania, 21enne maltratta giovane fidanzata: scatta l’arresto

I Carabinieri di Catania hanno fermato un 21enne per maltrattamenti in famiglia, lesioni personali aggravate, percosse e danneggiamento. La vittima era la fidanzata 18enne, giovane incinta dello stesso dopo quattro mesi dall’inizio del loro rapporto e adesso madre di una bambina di due mesi. I militari hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip su richiesta della Procura. Il giorno del parto la compagna ha chiesto aiuto alle Forze dell’Ordine. La giovane ha subito violenza fisica e psicologica dal fidanzato da quando ha iniziato a frequentarlo. L’imputato,…

Condividi
Read More